stemmi

Topolino delle risaie

Topolino delle risaie

Nome scientifico:

Micromys minutus

Famiglia:

Muridi

Protetta:

Si

Lunghezza testa-corpo:

5,8-7,7 cm

Lunghezza della coda:

5-7,3 cm

Peso:

5-9 gr

scarica la scheda

Come riconoscerlo: E’ il più piccolo roditore europeo. Ha una forma minuta, con orecchie piccole e arrotondate e lunga coda, sottile, distintamente anulata e prensile.  Il manto è bruno rossastro sul dorso e biancastro sul ventre, con linea di demarcazione piuttosto netta.

Distribuzione e habitat: In Italia è diffuso in tutta la Pianura Padana, fino al confine settentrionale delle Marche e della Toscana. Frequenta principalmente gli arbusteti e le fasce ad alte erbe poste ai margini delle zone coltivate e dei canneti che fronteggiano paludi, lanche, stagni o rive dei fiumi, di pianura.

Osservazione in Torbiera: La sua presenza nella Riserva è significativa, trovando l’habitat ideale per la sua sopravvivenza. Nonostante ciò è difficilissimo osservarlo e sentirlo.

Riproduzione: Da marzo a settembre. Durante la stagione riproduttiva, il topolino costruisce un nido pensile, dove poi ospita la cucciolata. Ciascuna femmina può partorire sino a tre volte all’anno. La gestazione dura circa 21 giorni al termine del quale partorisce una cucciolata di 3-6 piccoli. Il nido viene abbandonato in inverno, quando si rifugia nei nidi sotterranei o in strutture costruite dall’uomo.

Alimentazione: La dieta è costituita prevalentemente da semi (soprattutto di cereali) cui si aggiungono insetti e, a volte, uova di piccoli uccelli.

Comportamento: E’ un topolino solitario, assai timido e schivo, perlopiù con abitudini crepuscolari e notturne, attivo tutto l’anno. Si muove velocemente nel folto dei canneti e fra i sottili gambi dei cereali, ed è un agile arrampicatore, aiutato dalla coda prensile che viene utilizzata egregiamente come arto aggiuntivo.

Curiosità:  Il topolino delle risaie non è facilmente osservabile, tuttavia la sua presenza nel territorio può essere provata con il ritrovamento dei caratteristici nidi sferici di materiale vegetale solidamente ancorati alla vegetazione, oppure può essere accertata dai crani rinvenuti nelle borre dei rapaci notturni suoi predatori.